Logo SSF, Social Sans Frontières
Benvenuto a SSF
  Ingrandire i caratteri   Ridurre la dimensione dei caratteri  

2018 : valori europei e azione sociale : che coerenza?

Seminario 2018

Firenze - del 15 al 18 maggio 2018



Valori europei e azione sociale : che coerenza?



Galeria foto (prossimamente)


Programma del seminario


Troverete qua sotto le comunicazioni delle delegazioni italiani,

ungheresi, rumeni e francesi

 

 Si volete ottenere la traduzione di alcune comunicazioni, grazie di rivolgersi a 

socialsansfrontieres@gmail.com


Martedì 15 maggio 2018

 

Mercoledì 16 maggio 2018

 

Giovedì 17 maggio 2018

 

Venerdì 18 maggio 2018



Presentazione del tema:

 

Malgrado anni di combattimento per migliorare le condizioni di vita dei cittadini, e campagne di promozione per lo sviluppo dei diritti umani e sociali, la situazione rimane preoccupante, ansi si deteriora in un contesto economico e politico preoccupante per il benessere umano e sociale.

 

 Però, due testi europei enunciano le ambizioni europee in materia di diritto e di protezione sociale:

 

1)   Il Consiglio Europeo sviluppa dalla sua creazione principi di sviluppo e di rispetto dei diritti umani e sociali: la Carta sociale europea, firmata nel 1961 e rivista nel 1996 enuncia dei diritti fondamentali: l’alloggio, la salute, l’educazione, il lavoro, le condizioni di lavoro, la riduzione della durata di lavoro, il diritto a andare in sciopero, la convenzione collettiva, lo stipendio giusto a secondo il lavoro, l’assegno di maternità, la protezione giuridica e sociale, la previdenza sociale, la circolazione delle persone, la non-discriminazione, la protezione contro la povertà e contro l’esclusione sociale, i diritti dei migranti lavoratori e dei disabili. 

2) Più ultimamente, nel 2017, l’Europa si è preoccupata infine delle politiche sociali e ha stabilito lo zoccolo europeo dei diritti sociali che mira a conferire ai cittadini dei diritti nuovi e più efficaci, sulla base dei 20 principi chiavi che si declinano intorno a 3 temi:

Questi testi sono dei punti di riferimento anche se non hanno nessun effetto vincolante sugli Stati membri.

In occasione del nostro seminario di 2018, vogliamo riflettere alla traduzione dei principi europei di difesa dei diritti umani e sociali nei politici d’azione sociale dei nostri paesi e nelle pratiche delle istituzioni d’accoglienza delle persone in difficoltà:

Quale azioni sociali sono realizzate nei diversi paesi per lottare contro le disuguaglianze e la povertà, e per migliorare la situazione delle persone svantaggiate e vulnerabili (persone avendo disturbi psichici o dei handicap, minori stranieri non accompagnati, migranti, anziani soli, persone detenute).

Quali progetti educativi e sociali si mettono in opera per l’inclusione sociale delle persone svantaggiate attraverso l’autonomia dell’alloggio, professionale, la formazione e l’accesso ai servizi sociali del territorio?

Esistono dei luoghi d’incontro e di rappresentazione per le persone svantaggiate e vulnerabili?

    Quali processi culturali sono sviluppati per sensibilizzare l’opinione pubblica sul destino delle persone svantaggiate e vulnerabili?

 

In occasione di questo seminario, gli scambi sulle azioni condotte in seno ai nostri differenti paesi partner apriranno così il campo della nostra riflessione allargata allo spazio europeo in favore del progresso della nostra umanità.