Logo SSF, Social Sans Frontières
Benvenuto a SSF
  Ingrandire i caratteri   Ridurre la dimensione dei caratteri  

Dalle violenze coniugali alle violenze intrafamiliari

22 e 23 novembre 2010

SIMPOSIO EUROPEO & INTERNAZIONALE
Sotto l'Alto Patronato del Consiglio dell'Europa

Dalle violenze coniugali alle violenze intrafamiliari
Un problema, tre soggetti:
"vittime, autori, bambini testimoni"

organisé par REGAIN en partenariat avec SSF

TELECHARGER LE PRE-PROGRAMME COMPLET

La necessità di inserirci in una presa in carico plurale e globale dei differenti protagonisti del nucleo familiare ci sembra inevitabile per trattare della violenza e delle sue conseguenze su tutti personaggi coinvolti, le vittime, gli bambini testimoni o esposti e gli autori di violenze ma anche per meglio rispondere ai bisogni dei professionisti nelle difficoltà che incontrano. Dobbiamo comprendere i meccanismi psicologici e sociologici connessi ai comportamenti violenti e, sopratutto, cogliere gli impatti nocivi della violenza sulle persone per meglio agire, tanto a livello della presa in carico che della prevenzione della recidività.


Attualmente i vantaggi di un tale approccio hanno un riflesso nella nostra pratica quotidiana creando una vera e propria pratica "inter-servizi" capace di garantire una certa continuità e una pertinenza nella presa in carico. Avendo una miglior comprensione del fenomeno globale, possiamo sostenere più efficacemente ogni singolo attore di questa dinamica  della violenza. Nuovi percorsi di lavoro che col-legano i tre servizi si tracciano, mentre prosegue il dibattito sulle questioni relative all'uguaglianza di genere, ricerche ancora necessarie sia a livello dell'evoluzione e dell'applicazione della legge che della mutazione delle tradizioni.

All'interno di questa stessa idea e prospettiva si inserisce l'organizzazione di un simposio che si terra alla fine del 2010. In effetti un simposio incentrato su queste problematiche ci sembra oggi indispensabile in una prospettiva europea e internazionale. La tematica affrontata sarà quella preconizzata soprattutto dalla Commissione Parlamentare francese sull'abbinamento delle difficoltà incontrate dai tre attori della violenza intrafamiliare: "la vittima, il bambino testimone e l'autore delle violenze".